Articoli

Nonostante le difficoltà poste dallo scoppiare della pandemia da Covid-19, in questi ultimi mesi, numerosi sono stati i traguardi raggiunti da Giuliano Group e, in particolare, dall’Istituto di Vigilanza La Torre.

L’espansione commerciale su Roma e Napoli

Il primo risultato riguarda il consolidamento della copertura territoriale dell’Istituto, che, grazie ad un importante operazione di espansione commerciale, è oggi presente con i suoi servizi di sicurezza a 360°, oltre che sulle province di Salerno e Potenza, anche su Roma e Napoli.

Una nuova identità visiva

Per un’azienda con oltre quarant’anni di storia, il cambiamento della propria visual identity è sempre un’operazione delicata. Il restyling del logo aziendale dell’Istituto di Vigilanza La Torre ha dovuto conciliare una duplice esigenza: comunicare l’evoluzione aziendale avvenuta negli anni, mantenendo fede alla mission e ai valori originari. In questo articolo raccontiamo la storia dell’Istituto attraverso i marchi che si sono susseguiti nel tempo.

Nuova Auto Vigilanza La Torre     Nuova Auto Vigilanza La Torre     

Nuovi prodotti e servizi di sicurezza

L’ampliamento dell’offerta commerciale tramite l’introduzione di nuovi prodotti e servizi, alcuni proprio legati all’emergenza sanitaria da Covid-19, ha consentito all’Istituto di Vigilanza La Torre di soddisfare le più diverse esigenze di privati, aziende ed enti pubblici nel settore della sicurezza privata.

 

Il progetto #EstateSicura

In particolare, merita una menzione il recente coinvolgimento in prima linea nell’operazione #EstateSicura promossa dall’amministrazione comunale di Ascea, in provincia di Salerno. L’Istituto di Vigilanza La Torre è stato chiamato a presidiare il territorio della cittadina cilentana in orario notturno, per tutto il mese di Agosto 2020, al fine di prevenire reati ed atti vandalici, nonché condotte contrarie all’ordine pubblico ed assembramenti. L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo dalla comunità locale. Il primo di Agosto il sig. Sindaco alle ore 22,45 ha consegnato “le chiavi della città” all’Area Manager Sig. Filippo Giuliano ed agli agenti dell’Istituto di Vigilanza La Torre.

Progetto #EstateSicura         Progetto #EstateSicura        Progetto #EstateSicura

Una squadra affiatata al servizio della collettività

In sintesi, in un periodo tutt’altro che facile per tutto il tessuto economico italiano, il Gruppo ha reagito di fronte alle difficoltà con resilienza e spirito di iniziativa. Ciò è stato reso possibile grazie all’essenziale contributo di ogni singolo dipendente e di ogni singolo collaboratore. A loro è dedicato questo video realizzato durante il lockdown:

 

Recentemente l’Istituto di Vigilanza La Torre, per consolidare la sua quarantennale esperienza nel settore security, ha deciso di effettuare un restyling del logo aziendale comunicando l’evoluzione avvenuta negli anni. Ma facciamo un passo indietro e ripercorriamo la storia dell’Istituto attraverso i marchi che si sono susseguiti nel tempo.

Inizialmente l’identità visiva dell’Istituto è stata affidata ad un logo che riportava l’immagine stilizzata di una torretta di guardia nei colori arancio mattone e blu.

 

La torre: elemento costante dell’identità visiva dell’Istituto

Nel successivo rebranding la torre è rimasta l’elemento nevralgico del logo, ma ha assunto una duplice lettura: la torre è anche una corona araldica a quattro punte che rappresenta simbolicamente la solidità dell’Istituto e la posizione di leadership conquistata nel corso degli anni nel settore della vigilanza e della sicurezza.

Rispetto al logo precedente il blu assume una forza maggiore, diventando il colore identificativo del brand La Torre. La scelta di questo colore è dovuta al fatto che da sempre trasmette credibilità e sicurezza. Il cerchio che racchiude il logotipo sta a simboleggiare la continuità con cui l’Istituto eroga i suoi servizi sul territorio.

Il tricolore posizionato al centro del logo sta ad indicare la volontà di espansione sul territorio italiano, volontà che assume una valenza ancora più evidente nel successivo restyling del logo, arrivato nel 2020.

2020: un nuovo logo e nuove espansioni

Il nuovo logo dell’Istituto di Vigilanza La Torre unisce i concetti di sicurezza e territorio per comunicare l’evoluzione dell’azienda, sempre più dinamica, innovativa e pronta ad offrire servizi di prevenzione per la sicurezza di Enti Pubblici, operatori economici e cittadini. Nel nuovo logo la torre diventa uno scudo , da sempre simbolo di protezione e sicurezza.
Il nuovo logo arriva in un momento storico chiave per il Gruppo Giuliano, segnato dall’acquisizione di MIB Security, Istituto di Vigilanza di Roma.

      

 

Il taser entrerà ufficialmente nel corredo delle forze dell’ordine. L’utilizzo della “pistola elettrica” nota anche come storditore elettrico o dissuasore elettrico che utilizza l’elettricità per paralizzare i movimenti del soggetto colpito facendone contrarre i muscoli, è stato ufficialmente approvato il 17 gennaio 2020 dal Consiglio dei Ministri con un decreto che va a modificare il regolamento che disciplina l’impiego della pistola a impulsi elettrici.

Il decreto del Presidente della Repubblica che porta anche la firma del Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese andrà a modificare il Regolamento del 1991 che stabilisce i “criteri per la determinazione dell’armamento in dotazione all’Amministrazione della pubblica sicurezza e al personale della Polizia di Stato che espleta funzioni di polizia”.

La sperimentazione all’utilizzo del taser era partita nel settembre 2018 in dodici città italiane. Da Milano a Palermo, il periodo di addestramento e di prova di 70 agenti, concluso a giugno 2019, ha dato esito positivo, consentendo il passaggio alla fase successiva. Il suo uso dovrà sempre avvenire “nel rispetto delle necessarie cautele per la salute e l’incolumità pubblica” e secondo “principi di precauzione” condivisi con il Ministero della Salute.

L’utilizzo del taser dovrà seguire uno specifico Regolamento.

Le linee guida per l’utilizzo, predisposte dal Dipartimento della Pubblica sicurezza, affermano chiaramente che la distanza consigliata per un tiro efficace è dai 3 ai 7 metri ed inoltre stabiliscono che la pistola elettrica dovrà essere mostrata dall’agente senza impugnarla per far desistere il soggetto dalla condotta in atto. Solo se il tentativo fallisce si potrà sparare il colpo, ma occorre “considerare per quanto possibile il contesto dell’intervento e i rischi associati con la caduta della persona” dopo essere stata colpita. Bisogna inoltre tener conto della “visibile condizione di vulnerabilità” del soggetto e fare attenzione all’ambiente circostante per il rischio di incendi, esplosioni e scosse elettriche.

Secondo una recente indagine dell’Istituto di ricerca Nextplora su di un campione rappresentativo della popolazione svoltasi a dicembre 2019, nel periodo natalizio ed in genere nelle festività in cui si prevedono lunghi periodi di assenza, cresce la paura di subire un furto nel proprio appartamento.

Dal sondaggio emerge, infatti, che le feste natalizie sono per il 35% degli intervistati uno dei momenti in cui si teme di più che i ladri possano introdursi in casa. Tra essi il 49% teme un’intrusione notturna ed il 16% teme che avvenga di giorno, indipendentemente dal fatto che ci sia qualcuno in casa o meno.

Le risposte degli intervistati hanno fatto emergere anche i motivi principali che più spaventano gli italiani nel momento in cui sono a rischio di furto o rapina nella propria casa. Il 47% degli italiani ha paura di subire un’aggressione, il 20% teme il danno economico derivante dalla perdita di preziosi e il 18% ha paura di possibili atti vandalici.

Dall’indagine emerge che la facilità che i malviventi hanno nel reperire informazioni sui malcapitati all’interno dei social network, incrementi la possibilità di subire un furto.

Per tali ragioni, soprattutto se si prevede una lunga assenza, occorre fare un uso accorto e consapevole di queste piattaforme, evitando di condividere, specie pubblicamente, troppe informazioni su di sé.

Sistemi di allarme e soluzioni fai da te aiutano a sentirsi più sicuri.

L’installazione di un sistema d’allarme è la soluzione adottata maggiormente per contrastare il timore di subire un furto, con il 31% degli italiani che decide di affidarsi ai dispositivi di sicurezza presenti sul mercato.

Non manca chi decide di adottare soluzioni “fai da te”, come ad esempio lasciare la luce accesa in casa quando si è via o chiedere al vicino di controllare la propria abitazione. Per mettere in sicurezza la propria casa è, tuttavia, preferibile affidarsi sempre ad un esperto che, dopo un adeguato sopralluogo, possa suggerire il miglior sistema di allarme ed anti intrusione da implementare.

L’autodifesa è un argomento di principale importanza nell’ambito della Vigilanza Privata che coinvolge in particolar modo chi svolge sul campo costanti controlli per tutelare la comunità, come previsto dall’articolo 133 del Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza:

Gli enti pubblici, gli altri enti collettivi e i privati possono destinare guardie particolari alla vigilanza o custodia delle loro proprietà mobiliari od immobiliari. […].

Ciò significa che le Guardie particolari Giurate hanno la necessità operativa di intervenire nel limitare o bloccare azioni criminose.

A tal proposito, per quanto riguarda azioni che possono ledere la propria sicurezza, la legge prevede che tale tipologia di intervento debba essere effettuata senza mettere in grave pericolo l’operatore e la persona su cui si interviene.

Difatti secondo gli articoli 51, 52 e 54 del Codice Penale, le guardie giurate possono intervenire efficacemente e in maniera giuridicamente accettabile, senza dover ricorrere alla chiamata delle forze di polizia, nel momento in cui l’operatore di sicurezza abbia la possibilità di contrastare l’atto criminoso con il supporto del suo Istituto di Vigilanza.

La possibilità di intervento delle Guardie particolari Giurate.

Le guardie giurate hanno pertanto l’obbligo di vigilare in maniera responsabile su di un luogo, una persona, una cosa, preservandoli da eventuali pericoli.

In materia di autodifesa, nel momento in cui si presentasse la necessità di proteggersi e di proteggere uno specifico luogo, possono quindi reagire esclusivamente per difesa legittima, come sottoscritto dall’articolo 52 del Codice Penale:

Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa. […].

Ad esempio, per allontanare una persona che non ha diritto a permanere nel luogo vigilato, la guardia giurata avrà l’obbligo in primis di tentare di persuadere il cittadino ad uscire. In un secondo momento, solo quando questa attività risulterà assolutamente impossibile, potrà trasportare al di fuori del luogo vigilato la suddetta persona, nella piena correttezza operativa.

In tal senso l’autodifesa è quindi permessa ma sempre nel pieno rispetto della professionalità e dell’abilità nell’utilizzo delle tecniche e delle norme previste per legge. L’etica professionale dovrà pertanto essere alla base dell’intervento, sempre motivato da un reale atto criminoso.

In ottica di interventi in totale sicurezza, l’Istituto di Vigilanza La Torre grazie al collegamento diretto con la Centrale Operativa Avanzata presidiata 24h su 24, ha la possibilità di tutelare tutte le persone coinvolte, limitando al massimo i possibili rischi.

www.vigilanzalatorre.it

Dall’ultimo rapporto OSiVid, l’Osservatorio sulla Sicurezza e la Videosorveglianza, emergono importanti dati per quanto riguarda i furti e le rapine ai danni di attività commerciali. L’analisi ha difatti sottolineato come tali fenomeni siano in aumento, soprattutto per quanto riguarda alcuni settori del retail.

La ricerca ha portato alla luce un dato particolarmente interessante.

In tutto il contesto nazionale si registra in media un furto ogni 6 minuti, ovvero 10 ogni ora e 246 al giorno. Tra le regioni italiane più a rischio il Centro ed il Nordest mantengono il primato, con un incremento rispettivamente del 191,59% e 182,82% dal 2004 al 2015. Ai primi posti tra le categorie più colpite sono presenti i distributori di carburante, le farmacie e gli esercizi pubblici quali bar e ristoranti, a seguire le gioiellerie e le tabaccherie.

Il rapporto “Retail Security in Europe Going beyond Shrinkage” svela nuovi dettagli.

Il rapporto “Retail Security in Europe Going beyond Shrinkage” condotto da Crime&tech, spin-off dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Transcrime nel 2019, ha difatti stimato come l’ammontare dei furti subiti comporti una perdita complessiva annua di circa 49 miliardi di euro, pari al 2,05% del fatturato annuale del settore retail. La perdita è stata calcolata come somma del valore delle differenze inventariali (1,44% del fatturato) e delle spese relative alla sicurezza (0,61%).

Lo studio, che raccoglie i feedback di retailer di 11 Paesi (Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Spagna, Svezia e Regno Unito), rivela che, se confrontate con il fatturato totale delle aziende, le perdite totali relative alle differenze inventariali rappresenterebbero il quarto maggior retailer per dimensione in Europa.

Quali sono le contromisure più adottate dai proprietari delle attività commerciali?

Le contromisure più adottate dai proprietari delle attività commerciali includono principalmente l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza (utilizzata dall’80% dei rispondenti), tecnologie EAS (ossia i tag o etichette elettroniche) e sistemi di allarme gestiti da terzi (70%), mentre oltre il 25% dei rispondenti combina sistemi EAS e videosorveglianza per una protezione più efficace.

Purtroppo in molti casi i malfattori restano impunti, ciò può dipendere da molteplici fattori tra cui l’impossibilità di risalire all’identità dei malviventi o il verificarsi del furto dell’hard disk sul quale si trovano le registrazioni dell’impianto di videosorveglianza.

L’Istituto di Vigilanza La Torre offre una ampia gamma di servizi di vigilanza e security in grado di rispondere efficacemente alle esigenze delle strutture sia pubbliche che private. Il servizio di vigilanza e pronto intervento 24h su 24, ha proprio l’obiettivo di scoraggiare qualsiasi azione criminosa, allontanando prontamente i malintenzionati.

 

I social network, luoghi digitali in cui innumerevoli utenti condividono liberamente le loro informazioni, un ambiente di scambio, di relazione, ma anche uno strumento utile per reperire molteplici informazioni, estremamente utili per rivelare gli spostamenti di ignari internauti sempre pronti a condividere, soprattutto nei periodi di vacanza, il luogo di villeggiatura in cui si trovano, andando effettivamente a geolocalizzarsi.

I comportamenti più frequenti degli utenti online emergono da una recente indagine. 

Gli utenti maggiormente predisposti a rappresentare esche appetibili purtroppo sono, di solito, i più giovani, la cui passione per la condivisione di contenuti sul web ha la meglio persino sulla sicurezza propria e delle cose a cui tengono, a partire dalla casa. È quanto emerge da una ricerca effettuata su 4.000 ragazzi tra gli 11 e i 25 anni da Skuola.net.

Dai dati emerge che più di due intervistati su tre, il 67% del totale, pensa che ci sia un legame stretto tra i furti in casa e l’eccessiva visibilità online; il 9% afferma il contrario, non vedendo un collegamento tra le due cose; il 24%, invece, pensa che, quando accade, si tratti solo di un caso.

Difatti la protezione della propria privacy online è ben lontana dall’apparire una priorità: oltre la metà, il 57% degli utenti intervistanti, si geolocalizza una volta giunto in un luogo di villeggiatura di cui: il 44% molto spesso ed il 13% sempre e comunque. Una quota simile, con una percentuale pari al 52%, pubblica un racconto sui social network della villeggiatura in corso di cui il 3% posta ogni dettaglio delle sue giornate (con foto, video, commenti), ed un 49% seleziona i momenti che ritiene più importanti.

È importante adottare misure di sicurezza preventive.

Ma i contenuti pubblicati sui social network possono essere gestiti in un’ottica di tutela della propria privacy evitando che malintenzionati possano venire a conoscenza delle nostre abitudini quotidiane. Il 21% degli utenti intervistati tende a tenere il più possibile “chiuso” l’accesso alle proprie pagine. Un dato confortante, ma ben lontano dal 40% degli utenti che ammette di avere ancora profili social “aperti”, quindi di pubblico accesso a chiunque voglia reperire informazioni personali.

Il 10 ottobre 2019 si è tenuto a Roma il Summit europeo del CoESS – Confederation of European Security Services, in collaborazione con FederSicurezza (Federazione del Settore della Vigilanza e Sicurezza Privata), quest’anno giunto al suo trentesimo anniversario.

Esperti e manager di sicurezza privata e rappresentanti delle forze dell’ordine europee si sono riuniti per discutere dei vantaggi dei partenariati pubblico-privato in tema di difesa e sicurezza, condividere le migliori pratiche di cooperazione internazionali e fornire approfondimenti su nuove forme di servizi ai cittadini e modelli di business.

Tantissimi gli interventi di personaggi di rilievo.

L’evento ha permesso l’incontro di personalità di altissimo profilo istituzionale e tecnico in grado offrire nuovi spunti di riflessione partendo dalle esperienze vincenti degli stakeholder del settore a livello europeo e mondiale.

Hans Das, capo Unità Counterterrorism della DG Home Affairs presso la Commissione Europea; Michèle Coninsx, Executive Director del Counter-Terrorism Executive Directorate (CTED) presso le Nazioni Unite; Yvan De Mesmaeker, Segretario Generale dell’European Corporate Security Association (ECSA); come pure Ard van der Steur, Presidente della Private Security Association Nederlandse Veiligheid ed ex Ministro olandese dell’Interno e della Giustizia, sono solo alcuni personaggi noti che hanno partecipato attivamente al Summit.

Il vertice europeo annuale sulla sicurezza ha riunito 23 associazioni di 18 Stati membri UE, con 45.000 società di sicurezza private, 2 milioni di vigilantes e un fatturato annuo in Europa di oltre 40 miliardi di euro.

La sicurezza al centro del dibattito internazionale.

Gli argomenti trattati sono stati molteplici: come migliorare la cooperazione tra polizie e sicurezza privata, la creazione di nuovi servizi di sicurezza per la società, ma anche protezione dei big data, IT e cybersecurity nell’ambito di collaborazione tra i governi e le società di sicurezza privata.

Ma gli eventi dedicati alla filiera della sicurezza non finiscono qui.

Dal 13 al 15 novembre prossimi è attesa Sicurezza 2019, la manifestazione di Fiera Milano-Rho dedicata al settore security. L’evento è un’occasione per cogliere all’interno di un mercato in continua evoluzione le nuove opportunità del mondo sicurezza in cui digitalizzazione e cyber security saranno i temi centrali dell’evento.

 

Il Rapporto Italia 2019 elaborato dall’Istituto di Ricerca Eurispes, giunto alla sua trentunesima edizione, è diventato, nel tempo, un apprezzato punto di riferimento per comprendere l’attualità politica, economica e sociale del nostro Paese.

Tra le tematiche oggetto dell’indagine merita particolare attenzione  la sensazione di sicurezza percepita dagli italiani.

I risultati dell’indagine hanno evidenziato che la minaccia più sentita dai cittadini è rappresentata dai furti nelle abitazioni, che interessano il 25,4% degli intervistati.

Ciò dimostra come nel corso degli anni sia cambiata la tipologia di timore percepito. Difatti, si ha molta più paura di subire intrusioni nella propria abitazione che delle truffe, in prima posizione nelle classifiche degli anni precedenti.

Le città considerate “poco sicure” sono in aumento.

Le città considerate “poco sicure” per un italiano su tre sono ubicate principalmente a Nordovest con una percentuale del 42,7%.  Al Centro e al Sud più della metà degli intervistati si divide tra “abbastanza sicuri” (rispettivamente 40,5% e 45%) e “molto sicuri” (10,7 % e 8,8%); nelle isole la percezione di sicurezza è molto alta con un risultato del 59,2%.

Ma la paura di subire furti nella propria abitazione non è l’unica preoccupazione degli italiani. Dal Rapporto Italia 2019 anche la paura delle aggressioni fisiche ha subito un notevole aumento con il 20,8%, in netta crescita rispetto sia al 2009 sia al 2017.

Numeri più contenuti ed in calo riguardano, invece, le paure per altre tipologie di crimini: rapine (9,9%), furti di veicoli (9,6%), truffe (8%), scippi/borseggi (7,6%), violenze sessuali (5,8%) e furto di dati personali su Internet (4,5%).

Le paure degli italiani cambiano in base all’età degli intervistati.

Per quanto riguarda i furti in abitazione ad aver più paura sono gli over 65 (30,1%), mentre i giovanissimi (tra i 18 e i 24 anni) temono soprattutto l’aggressione fisica (25%) e attribuiscono alla violenza sessuale lo stesso grado di rischio del furto in abitazione (15%).

Prevenire un furto nella propria abitazione è ciò che spinge molteplici cittadini a dotarsi di adeguati sistemi di allarme affidandosi all’esperienza degli Istituti di Vigilanza privata.

Tra questi l’Istituto di Vigilanza La Torre che grazie alla sua Centrale Operativa attiva 24h su 24, 365 giorni l’anno, è in grado di assicurare un pronto intervento immediato in caso di necessità, scoraggiando possibili malintenzionati.

Consulta il Rapporto Italia 2019.

Molti comuni italiani in occasione della stagione estiva 2019 hanno aderito al Protocollo d’Intesa “Spiagge sicure – Estate 2019”, per la cui applicazione è stata essenziale la collaborazione dei molteplici istituti di vigilanza dislocati sul territorio nazionale.

Tale protocollo prevede l’erogazione da parte del Ministero dell’Interno di un finanziamento di 4,2 milioni di euro da ripartire in 100 comuni.

Il Fondo per la sicurezza urbana è stato istituito dall’art. 35-quater del decreto-legge 4 ottobre 2018, n.113, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° dicembre 2018, n.132. Gabinetto del Ministro 2 Modulario Interno – 5 Mod. 5 G.

L’obiettivo è quello di rendere più sicuri i litorali

La prevenzione dei furti, il contrasto di fenomeni quali il teppismo ed il vandalismo in particolare nelle ore notturne, il monitoraggio del territorio per limitare il commercio abusivo e la vendita di prodotti contraffatti sui litorali sono i punti cardine dell’iniziativa.

L’intento principale del progetto è quindi attuare una strategia di miglioramento atta a tutelare i territori comunali che annualmente affrontano un maggiore afflusso turistico durante il periodo estivo garantendo la sicurezza anche delle zone più isolate.

Il progetto prevede l’inserimento di nuove figure professionali

Ai comuni viene data la possibilità di avvalersi del servizio di vigilanza privata per assicurare un maggiore controllo delle spiagge e degli stabilimenti balneari. Inoltre, le assunzioni previste interessano anche gli organi di Polizia locale.

La risposta degli enti pubblici è stata positiva. I comuni sono stati selezionati sulla base dei dati forniti dall’Istat relativi alle presenze nel 2017 di turisti nelle strutture ricettive, tenendo conto di una superficie abitativa al di sotto dei 50mila abitanti.

Ad oggi complessivamente i comuni costieri che hanno aderito all’iniziativa per l’edizione 2019 sono stati: 27 al Nord, 26 al Centro e 47 al Sud e nelle Isole.

Il bilancio del Progetto nel 2018

Nell’anno 2018 il bilancio dell’iniziativa era stato brillante: 184 assunzioni a tempo determinato di agenti di Polizia Locale, 17.168 ore di lavoro straordinario pagate, 145mila euro investiti per acquistare mezzi e attrezzature.

Sforzi che avevano dato dei frutti: contestati 3.313 illeciti amministrativi e penali, sequestri di 341mila prodotti per oltre 2,7 milioni di euro.

Per l’anno 2019 il primo bilancio effettuato il 30 giugno ha evidenziato come siano state assunte già 205 unità a tempo determinato con 1.821 ore di straordinario svolte dalla polizia locale con l’obiettivo di rafforzare i servizi di controllo e protezione.

Primo Report Spiagge Sicure – Estate 2019