Articoli

Sicurezza in azienda, come scegliere un servizio di sicurezza e una security agency affidabile? Vediamolo insieme

La sicurezza privata e aziendale continua a essere una fonte di preoccupazione per molte imprese in tutta Italia. Secondo le stime più recenti, i tentativi di rapina, furto o atti vandalici in casa o in aziende restano alti. In questi anni, molte imprese e privati sul territorio hanno scelto di investire in tecnologie di sorveglianza o di appaltare la salvaguardia dei propri beni mobili o immobili alle agenzie di sicurezza privata. Si tratta di ditte specializzate nel fornire servizi di vigilanza privata per il controllo diurno o notturno di uffici o impianti produttivi.

Il momento della scelta di una security agency è una fase delicata. Si tratta di decidere a chi consegnare il compito di proteggere un bene di enorme valore, come la propria azienda. In questo articolo proviamo a capire come scegliere un’agenzia di sicurezza e quali sono gli aspetti più importanti da considerare per non commettere errori.

I servizi di sicurezza

Le agenzie di security e le agenzie di sorveglianza non sono tutte uguali. A seconda dei casi, possono essere specializzate nella fornitura di servizi di sicurezza specifici per le imprese e i privati. Conoscerli aiuta ad individuare il partner più adatto per migliorare la sicurezza.

Per questo, puoi valutare positivamente chi offre personale dinamico, pronto a rispondere in ogni occasione, anche in casi che esulano dalla competenza di un sorvegliante. Le migliori agenzie di sicurezza hanno collaboratori formati anche in materia antincendio o di primo soccorso.

Portierato

Le aziende o gli uffici provvisti d’ingresso con portineria possono richiedere il servizio di portierato, e rivolgersi a sorveglianti addestrati per gestire alcune attività tra cui:
• registrare gli ingressi in entrata e uscita
• gestire il sistema di sorveglianza dello stabile
• occuparsi della chiusura serale dell’edificio.

Guardiania

Un ottimo livello di sicurezza è costituito dal servizio di guardiania, che prevede la sorveglianza di immobili, cantieri, stabilimenti industriali o attività commerciali. Molto simile al portierato, richiede un ruolo più attivo del personale.

Gli addetti in divisa si occupano di controllare le vie di accesso dalla propria postazione, oppure effettuando perlustrazioni esterne o interne, e anche di richiedere le generalità all’ingresso o gestire il flusso in entrata di parcheggi o uffici.

Sorveglianza notturna

Tra i compiti richiesti alle agenzie di sicurezza troviamo anche la sorveglianza notturna, un’attività effettuata nelle ore di chiusura con l’obiettivo di controllare o salvaguardare l’integrità dell’azienda dalle minacce frequenti di notte.

Scegliere una security agency: vigilanza armata e non armata

Un elemento fondamentale quando si sceglie un’agenzia di sicurezza è conoscere la differenza tra vigilanza armata e non armata. La prima viene definita attiva, ed è svolta da guardie giurate (GPG) con giubbotto antiproiettile e arma da fuoco, ad esempio in caso di trasporto valori o piantonamenti antirapina.

Quella non armata viene definita vigilanza passiva, e può essere svolta da professionisti anche non necessariamente GPG. Inoltre è stato appurato più volte che il possesso di un’arma non è un grosso deterrente per i malintenzionati. A fare la differenza è sempre la presenza di una guardia o un team di professionisti.

Per questo, la vigilanza non armata è uno dei servizi di sicurezza privata più diffusi, nonché il più consigliato.

Come scegliere un’agenzia di sicurezza?

Nel momento in cui occorra scegliere un’agenzia a cui affidare la gestione della sicurezza, la professionalità è uno dei fattori più importanti. Non solo quella dell’amministrazione, ma anche dei professionisti che operativamente forniranno custodia e protezione.

Innanzitutto, fai un rapido controllo verificando la presenza dell’agenzia nella lista degli Istituti Certificati del Ministero, redatta ai sensi del D.M. n. 115/2014 e consultabile a questo link.

È importante che si tratti di sorveglianti formati e addestrati per intervenire. Tra le attitudini personali, è consigliabile la riservatezza e la disponibilità. Una security agency affidabile garantisce sempre personale privo di procedimenti penali, in divisa e tessera di riconoscimento, con un forte senso del dovere e una condotta civile adeguata al ruolo.

Inoltre i custodi e i sorveglianti devono essere ben equipaggiati, anche nel caso in cui svolgano un servizio di vigilanza non armata.

Stai cercando un partner per la gestione della sicurezza affidabile? Contattaci.

Il cybercrime è sempre più diffuso. La ricerca Kaspersky Lab sulla sicurezza informatica ha riscontrato un fortissimo aumento dei casi di attacchi phishing nel terzo trimestre del 2018.

Ma cosa sono gli attacchi phishing? Il pishing è una particolare tipologia di truffa che avviene online in cui un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi un ente affidabile.

Si concretizza principalmente attraverso messaggi di posta elettronica ingannevoli o SMS (SMISHING) in cui si richiede la verifica dell’account o presunti aggiornamenti delle informazioni, cliccando su link presenti all’interno dei messaggi.

Tali link invece reindirizzano la vittima della truffa verso un sito che simula l’originale, ma che in realtà è un falso creato ad arte per ingannare gli utenti. Le informazioni sottratte vengono infine usate per accedere ai veri portali e compiere operazioni illecite, come il trasferimento di fondi.

La ricerca ha individuato quasi 140 milioni di tentativi di truffa perpetuati nel mondo attraverso questa tecnica nel solo terzo trimestre del 2018. Tale dato sottolinea come gli utenti spesso abbiano poca conoscenza del mondo online o non diano la giusta attenzione nel preservare i propri dati sensibili.

Ma qual è il settore più attaccato?

Stando al report di Kaspersky, il settore finanziario è stato uno dei più colpiti: più di un terzo di tutti gli attacchi di phishing registrati ha avuto come obiettivo infatti banche, sistemi di pagamento e canali di e-commerce.

Il Paese con la percentuale più alta di utenti attaccati dal phishing nel terzo trimestre del 2018 è stato il Guatemala, con quasi il 19% del totale, seguito dal Brasile con il 18,6%. Il terzo posto è occupato dalla Spagna, con il 17,5% degli utenti colpiti.

Anche l’Italia è molto provata dalle innumerevoli campagne phishing in circolazione. Falsi domini di banche come Unicredit, Poste Italiane, falsi rimborsi Tim, Enel, e tanto altro circolano sul web, come evidenziato dal ricercatore di cyber security @IllegalFawnIl che attraverso il suo account Twitter invita gli utenti a fare attenzione a determinati siti “truffa”, segnalandoli quando possibile.

Anche le aziende devono tutelarsi da tali attacchi, stando all’Italian CyberSecurity Report 2018 gli attacchi subiti sono cresciuti del +34,21% e i soggetti più a rischio sono le piccole e medie imprese.

Il metodo più usato per attaccarle è quasi sempre lo stesso: i ransomware.

Mascherati da documenti di testo o altre tipologie di formato file apparentemente innocue, i ransomware si diffondono, solitamente, tramite posta elettronica. La loro diffusione avviene dunque con un’operazione di phishing, che causerà l’illeggibilità dei documenti aziendali che saranno crittografati e resi leggibili solo dall’hacker attraverso il pagamento di un riscatto.

Le soluzioni ideali per arginare tali attacchi? L’osservazione.

Il consiglio per difendersi da tali attacchi è ben preciso. Bisogna prima di tutto analizzare sempre con accuratezza i link proposti nelle email o negli sms ricevuti, controllandone l’autenticità. In secondo luogo è buona norma essere costantemente informati sulle nuove tipologie di attacchi phishing in corso in modo da non cadere in questa spiacevole trappola.