Articoli

Il Veeam Data Protection Trends Report 2022 indica che l’89% delle aziende non presta attenzione alla cyber-security e il trend è in crescita

Stando ai dati diffusi dal Veeam Data Protection Trends Report 2022, lo scollamento tra le aspettative e la capacità dell’IT di supportarle è oggi più alto che mai. L’89% delle organizzazioni, infatti, non sta proteggendo sufficientemente i dati in ottica di cyber-security. Lo studio ha coinvolto oltre 3.000 decisori IT e imprese globali, per valutare come le aziende si stanno preparando alle sfide del settore.

Tra queste spiccano l’uso massivo di servizi e infrastrutture cloud-native, gli attacchi informatici in aumento e le misure da prendere per implementare una strategia di cyber security che garantisca continuità al lavoro.

Cybersecurity, budget stanziati in aumento

Il report è stato commissionato da Veeam Software, leader nelle soluzioni di backup, ripristino e data management che offrono una Modern Data Protection, una sistema completo per proteggere qualsiasi carico di lavoro.

Lo studio ha rivelato che l’88% dei leader IT si aspetta che il budget per la cyber sicurezza aumenti di molto rispetto ad altri investimenti. Questo perché i dati sono essenziali per il business e la loro protezione costituisce una sfida sempre più complessa. Più di due terzi si rivolgeranno a servizi in cloud per proteggere i dati essenziali.

Security cyber, protezione dai ransomware

L’89% degli intervistati, inoltre, ha riportato un divario tra la quantità di dati che ci si può permettere di perdere e la frequenza dei loro backup. Questo valore è aumentato del 13% negli ultimi 12 mesi. Questo indica che, se il volume e l’importanza dei dati sono in costante crescita, lo sono anche le sfide per proteggerli.

Il fattore-chiave è che le aziende devono affrontare criticità per la protezione dei dati sempre più diversificate. Per il secondo anno di seguito, gli attacchi informatici sono stati la principale causa d’interruzione nell’operatività, e il 76% delle aziende ha dichiarato di aver subito almeno un evento ransomware negli ultimi 12 mesi.

Sicurezza cyber, l’impatto dei guasti informatici

Il fatto allarmante non è solo la loro frequenza, bensì anche l’impatto che possono avere. Con una media dei dati persi del 36%, risulta che le strategie di protezione dati sono inefficaci nel proteggere le aziende da attacchi ransomware e nel consentire loro di riprendersi.

Per questo Danny Allan, CTO di Veeam, ha dichiarato: “Con i cyberattacchi sempre più sofisticati e ancora più difficili da prevenire, le soluzioni di backup e ripristino sono le fondamenta essenziali per una strategia di Modern Data Protection”.

Inoltre, ha precisato che per la massima tranquillità delle aziende serve la certezza che il 100% dei backup sia stato completato in una finestra di tempo definita. Il modo migliore per assicurare che i dati siano recuperabili in caso di un attacco ransomware è farsi affiancare da specialisti del settore, investendo in soluzioni automatizzate e organizzate che difendano i data center e le piattaforme di protezione in cloud a cui le aziende si affidano oggi.

Se hai bisogno di una consulenza professionale per difendere la tua azienda, contattaci e richiedi subito il parere di un esperto.